giovedì 20 febbraio 2020
 
Small width layoutMedium width layoutMaximum width layout Small textMedium textMaximum text
HomeRicerca progetti: Stili di vita: alcol Scuole libere dall'alcol

Stili di vita: alcol

DISTRETTI
Carpi
Mirandola
Modena
Sassuolo
Pavullo
Vignola
Castelfranco E.
LIVELLO SCOLASTICO
Secondaria II grado
DESTINATARI
ATA
Docenti
Genitori
Studenti
Scuole libere dall'alcol
Programma di approccio complessivo ai comportamenti alcol-correlati nella scuola secondaria di secondo grado

È un progetto della Regione Emilia-Romagna finalizzato a promuovere una cultura della  salute che, riconoscendo nella assunzione di bevande alcoliche un elemento di rischio, arrivi alla diffusione delle informazioni e allo sviluppo delle abilità sociali che costituiscono fattori di protezione dai problemi alcol-correlati. Le azioni del progetto sono rivolte all’Istituto scolastico inteso come sistema complesso in cui integrare e rendere coerenti interventi di tipo educativo e normativo. Si consiglia di evidenziare l’adozione del progetto nel Piano dell’Offerta Formativa.
La realizzazione di questo progetto ha durata triennale.


Rivolto a:

docenti, personale ATA, studenti e genitori delle Scuole Secondarie di secondo grado della provincia.

 

Obiettivi:

  • promuovere la capacità di operare scelte di vita salutari individuali e all’interno del gruppo dei pari;
  • favorire l’acquisizione di competenze trasversali relative a processi decisionali e pensiero divergente;
  • promuovere una cultura della salute che renda consapevoli dei rischi correlati al consumo di bevande alcoliche in ambiente scolastico ed extrascolastico;
  • promuovere presso gli adulti la consapevolezza che l'assunzione di alcol costituisce sempre un fattore di rischio.

Metodo e programma


  • Inserimento del Progetto nel Piano dell’Offerta Formativa
  • Costituzione di un gruppo di lavoro interno all’Istituto Scolastico con il compito di programmare e coordinare l’attività che verrà svolta; ne fanno parte operatori dell’Azienda USL e rappresentanti di tutte le istanze interne alla scuola (dirigente scolastico, docenti, personale ATA, studenti e genitori).
  • La scuola si propone di creare una coerenza dei messaggi trasmessi ai ragazzi intorno all’uso di alcol e dichiara apertamente la propria intenzione di volere divenire un ambiente in cui si promuove la salute e si scoraggia l’utilizzo di bevande alcoliche durante le attività di lavoro e studio che vi si svolgono. Si dota,  tal fine, di un regolamento interno che normi l'uso di alcol nelle attività extrascolastiche e nelle feste promosse dall'Istituto. Il processo per la creazione del regolamento e la discussione dei suoi contenuti sono parte integrante elle attività del progetto.
  • Costituzione di un gruppo di  peer educators: ragazzi selezionati nelle classi terze che, dopo un percorso formativo, diventano protagonisti attivi della progrettazione e dell’attuazione delle iniziative rivolte ai loro pari.
    Per approfondire:
    - la peer education per promuovere la salute;
    - iniziativa presso l’Istituto Levi di Vignola il 31 maggio 2011

Azioni

(si veda anche lo schema allegato, scaricabile a fondo pagina)

  • Formazione dei  Peer educators
  • Intervento di sensibilizzazione da parte dei Peer Educators nelle classi prime; l'esito dell'attività è discusso in un incontro di formazione per gli insegnanti
  • Formazione per gli Insegnanti
  • Intervento degli insegnanti nelle classi prime secondo le proprie materie curriculari.
    Si vedano in merito:
    - il sito Paesaggi di prevenzione
    - i materiali del corso "Alcol: se stai a zero vinci. Il ruolo della scuola nella prevenzione alcologica" (Mese della prevenzione alcologica 2013)
  • Sensibilizzazione dei  genitori delle classi coinvolte: L'esperto del Servizio Dipendenze Patologiche, in accordo con il Tavolo di lavoro, programma la strategia di coinvolgimento più adeguata.

Integrazioni possibili

Sussidi didattici
Registrandosi al sito Luoghi di prevenzione si ha accesso a percorsi didattici e supporti multimediali.

Circuito delle "Palestre etiche".

Visite didattiche
  • Visita al centro regionale di didattica multimediale per la promozione della salute “Luoghi di prevenzione” a Reggio Emilia. Per prenotare una visita scrivere una e-mail all’indirizzo: segreteria@luoghidiprevenzione.it, all’attenzione di Francesca Zironi, specificando nome della scuola, classe, insegnante di riferimento, operatore sanitario di riferimento, percorso didattico di interesse, attività svolte in classe a completamento del percorso, periodo in cui si vorrebbe effettuare la visita. Per maggiori informazioni tel. 0522 320655.
  • “ACAT: ciò che sappiamo e ciò che non sappiamo sull’alcol – incontro con le classi”  in occasione della visita didattica a “Le Officine della Solidarietà”, iniziativa coordinata dal Centro Servizi Volontariato presso il Foro Boario a Modena.  

Approfondimenti
  • Riservato al Distretto di Carpi: “Cosa bevi quando bevi” a cura degli operatori del Servizio Dipendenze Patologiche di Carpi. Percorso riservato alle classi quarte per imparare a calcolare le quantità di alcol contenute nelle bevande alcoliche, prevenire le assunzioni eccessive, sapere cosa fare quando un amico sta male per avere bevuto troppo. Prevede la formazione (due incontri di due ore in orario scolastico) di due ragazzi per ogni classe, che poi riferiranno i contenuti ai propri compagni di classe.
  • a cura dell’Associazione Italiana Giovani Vittime della Strada
    Per le classi quarte o quinte: “Comportamenti a rischio legati alla guida, codice della strada, testimonianze”, incontri assembleari di due ore con operatori del Terzo Settore, in collaborazione con AA, Al-Anon e ACAT
Testimonianze
“Racconti di vita” a cura dei Gruppi Familiari Al-Anon
“Racconti di vita”  a cura della Associazione Alcolisti Anonimi
“ Viva Voce” a cura dell’Associazione Club Alcologici Territoriali a Modena, Vignola, Carpi e Mirandola

Referenti e conduttori

Referente: Maria Corvese - Psicologa Settore Dipendenze Patologiche

Conduttori del Settore Dipendenze Patologiche

Distretto di Carpi
Massimo Bigarelli - Medico Centro Alcologico
Maria Corvese - Psicologa

Distretto di Mirandola
Pierangelo Bertoletti - Psicologo

Distretto di Modena
Claudio Ferretti - Medico
Maria Rosa Morandi - Psicologa
Monia Pinelli - Psicologa

Distretto di Sassuolo
Claudio Annovi - Psicologo
Giorgia Pifferi - Psicologa

Distretto di Pavullo
Roberto Paola - Psicologo

Distretto di Vignola
Devis Ghidoni - Educatore professionale
Renzo Marzola - Psicologo

Distretto di Castelfranco
Riccardo Giampaolo - Educatore Professionale

Elisabetta Neri - Psicologa




ALLEGATI:
Schema scuole libere da alcol.pdf Open/Download
Progetto Prioritario

Copertina
 < Progetto precedente            Progetto Successivo >